DELIRIO DI LULE

 

I fari della macchina tagliavano la notte, quella notte senza Dio al suono d'una radio lontana,

"Carried away by a moonlight shadow";

non avevo molto da dire a me stesso, nulla da aggiungere, del resto così accade tra amici;

quando l'avevi in bocca era come fingere, forse lo facevi per istinto o meglio per interesse.

Viaggiai molto con la mente e nello spazio, non era solo prendere un aereo e venire a Bucuresti o

Iasi, era cercare un mio ego, l'idea che al mondo esistesse un'idea, un posto ideale,

ma soprattutto il ricordo di com'era un tempo qui;

ora son già vecchio,

la mia mente bruciata come a luglio un campo di stoppie..

M'accusavi di non esser cresciuto, di non esser libero, di ascoltare troppo i miei,

ma ora ecco son di nuovo qui e i fari della macchina tagliano ancora la notte.

Cantava lo zingarello della metro e mi guardava come un cane battuto mentre sua sorella

l'accompagnava con la fisarmonica.

Così m'accoglieva la tua terra e non era la prima volta.

Cercavo di ridere con te, di non sentir la solitudine, di tenerti per mano

e sapere che per te anch'io ero romeno.

"Nemo propheta in patria".. ma forse era solo un'illusione;

tutto è spento ora, estinto dalla terra, guardo fisso nell'etere,

il ricordo di quella sera,

in lontananza una cometa e lo spazio, l'universo, l'aldilà, tutto così vicino,

e questa solitudine da puttane e sostanze psicotrope,

questo male che mi fa pagare per una semplice amicizia, un amore.

..E quando ti parlo/mi parli in quella stanza non riesco a non pensarti ai bordi del letto

mentre ti levi le calze e poi sotto le coperte in un amplesso di emozioni e odori

raccontare la tua giornata a chi ti ama; io vorrei esser quello.

L'aria tesa toglie il fiato e la notte non ha pietà dei cani randagi

come una madre critica e severa, non accetta film senza trama e te li fa patire

quasi la tua vita respirasse della sua aria e ad ogni alito di vento ti chiedesse pegno.

Viaggiai molto con la mente e nello spazio,

una macchina del tempo, la baia era lì, negli occhi della luna che mi proiettava il suo mondo,

ero un alieno, non mi si poteva vedere dai gialli campi di colza,

n la veste corporea mi aveva abbandonato, un nuovo Armstrong con occhi grandi e spalancati,

spaventati, da piccolo cinese spaventato,

così levitavo, senza gravità, tutto e solo pensiero..Com'era il mondo da lassù..

strano non vedevo la terra, ma solo i secondi scorrere, i minuti passare - la massicciata -

le ore rotaie, i chilometri ore che diventano giorni ed il treno tempo che si snoda

in basso, quasi una piccola serpe, sensuale e irreale.

E' così che la terra cominciò a tremare ma dalle fenditure solo neve, neve che riempì pure gli argini dei fontanili,

debordando e raccogliendomi un pomeriggio a parlare un quasi spagnolo con una quasi amica,

amica di parole, amica di piacere,

precipitando così nel vuoto, ma sollevato dall'energia di un tunnel che mi parlò di pesca,

un altro pomeriggio e mio zio ed il bambino che sono e Lucio Dalla, tredici anni e sguardo da ragazza,

un pastrano abbandonato tra i cadaveri del fosso, alghe, acqua, un vecchio cimitero che rasenta l'Ottocento,

un duce e il re,

un grido tra le file del riso, quella corsa tra i fusti e librarsi a mezz'aria..

rividi tante pelli di tanti colori, la brezza nei loro capelli

e un bimbo m'additava, un bimbo che sporcava l'erba del suo pianto, il ginocchio sbucciato,

l'odore di terra, richiamo d'un'età ingenua e schietta..

Il libro poco distante, nella mezz'aria,

volerlo toccare e la solita paura di voltare pagina, quale inquietudine,

Dio, coprimi della sua veste bianca,

in alto stavo ad osservare ogni errore commesso,

da me e chi mi precede,

da quella finestra,

il suo sorriso, mio padre mi teneva per mano e mi portava lì,

ora solo atomi, la mia mente in delirio,

il sogno od un miraggio, la Venere nera, la borraccia tesa al mio richiamo,

rividi la finestra ed ero lì, presente al giudizio del tempo, le lancette sgretolate,

il letto sfatto, il sorriso suo, povero Mario, la candida veste, il suo pudore,

e immaginai,

i fari spenti,

solo,

il sangue mi si raggela lungo la valle di Giosafat.

 

 

DELIRUL LUI LULE

 

Farurile mainii tiau noaptea, noaptea aia fr Dumnezeul sunetului unui radio ndeprtat,

"Carried away by a moonlight shadow";

n-aveam multe de spus mie nsumi, nimic de adugat, de altfel aa se ntmpl ntre prieteni;

cnd o aveai n gur era ca s simulezi, poate o fceai din instinct sau mai bine din interes.

Cltorii des cu mintea i n spaiu, nu era doar ca s iau un avion i s vin la Bucureti sau

la Iai, era s-mi caut un ego, ideea c n lume exista o idee, un loc ideal,

dar mai ales amintirea de cum a fost odat aici;

acum sunt deja btrn,

mintea mea ars ca n iulie o mirite..

M acuzai c n-am crescut, c nu sunt liber,c ascult prea mult de ai mei,

dar acum iat sunt din nou aici i farurile mainii nc mai taie noaptea.

Cnta puradelul la din metrou i m privea ca un cine btut n timp ce sora lui

l-aducea cu acordeon.

Aa m primea ara ta i nu era prima oar.

ncercam s rd cu tine, s nu simt singurtatea, s te in de mn,

i s tiu c pentru tine i eu eram romn.

"Nemo propheta in patria"..dar oare era doar o iluzie;

stins e totul acum, disprut din pmnt, fixez n eter,

amintirea acelei seri,

n deprtare o comet i spaiul, universul, lumea cealalt, totul att de aproape,

i singurtatea aceasta a trfelor i a substanelor psihotrope,

chinul sta care m face s pltesc pentru o simpl amiciie, o iubire.

..i cnd i vorbesc/mi vorbeti n camera aia nu reuesc s nu m gndesc la tine la marginea patului

cnd i scoi ciorapii i apoi pe sub pturi ntr-o mpreunare a emoiilor i a mirosurilor

s-i povesteti ziua ta celui care te iubete; eu a vrea s fiu acela.

Aerul crispat i taie rsuflarea i noaptea n-are mil de cini vagabonzi

ca o mam critic i sever, nu accept filme fr tram i i-le face s-ndure

ca i cum viaa ta s respire aerul ei i la fiecare adiere a vntului s-i cear cont.

Cltorii des cu mintea i n spaiu,

o main a timpului, rada era acolo, n ochii de lun care m proiecta lumea ei,

eram un extraterestru, nu se putea s-mi vad din cmpurile galbene de rapi,

nici mcar vemntul corporal nu m prsise, un nou Armstrong cu ochii mari i holbai,

speriai, ca ai unui mic chinez speriat,

aa m ridicam n aer, fr gravitate, tot i numai gnd..Cum era lumea dinspre acolo sus..

ciudat c nu vedeam pmntul, dar numai secundele s curg, minutele s treac - balastul -

orele ine, kilometrii ore care devin zile i trenul timp care se deznoad

dedesubt, aproape ca un arpe mic, senzual i ireal.

Este aa c pmntul ncepu s tremure dar din crpturi numai zpada, zpada care umplu i stvilarele izvoarelor,

debordnd i strngndu-m o dup-amiaz s vorbesc o cvasispaniol cu o cvasiprieten,

prieten de cuvinte, prieten de plcere,

astfel precipitnd ntr-un vid, dar ridicat de energia unui tunel care mi vorbi despre pescuit,

o alt dup-amiaz i unchiul meu i copilul care eu sunt i Lucio Dalla, treisprezece ani i privire de fat,

o manta prsit printre cadavrele anului, alge, ap, un cimitir vechi care atinge secolul al XIX-lea,

un "duce" i regele, un strigt printre rndurile de orez, goana aceea printre tulpini i planarea n aer..

revzui attea piei cu attea culori, briza n fire din prul lor

i un copil m arta cu degetul, un copil care murdrea iarba cu plnsul lui, genunchiul zgriat,

mirosul pmntului, chemarea unei vrste ingenue i france..

Cartea nu prea departe, n aer,

a vrea s-o ating i frica obinuit de a ntoarce foaia, ce nelinite,

Dumnezeule, acoper-m cu vemntul lui alb,

m uitam n sus la orice greeal comis,

de mine i de cei care m preced,

din fereastra aceea,

zmbetul lui, tatl meu m inea de mn i m ducea acolo,

acum doar atomi, mintea mea n delir,

visul sau un miraj, Venus neagr, plosca ntins la chemarea mea,

vzui din nou fereastra i eram acolo, prezent la judecata timpului, limbile de ceas frmiate,

patul desfcut, zmbetul lui, sracul Mario, vemntul candid, pudoarea lui,

i imaginai,

farurile stinse,

singur,

mi se nghea sngele de-a lungul vii lui Iosafat.

_____________________________________________

Am 36 de ani i locuiesc la Cesano Boscone - Milano.

Scriu versuri din adolescen i din 2003 studiez limba romn.

Am publicat poezii n revistele urmatoare: Climate Literare, Boema, Oglinda Literar, Nord Literar, Luceafrul, Ecouri Literare, Romnia Literar, Apostrof, Vatra, Basarabia Literar, Moldova Literar, Revista Literar Bucovina i Actualitatea  Literar.

Am i tradus in limba italian cartea poetului i a scriitorului Petre Ru Judecata de apoi ieit n aprilie 2011 i am contribuit la carte Mirajul mamei - cele mai frumoase poezii despre mam aprut  n luna februarie 2012.

Luca Cipolla
luca.cipolla@yahoo.it

  

 

respiro@2000-2007 All rights reserved